Un weekend all’insegna dell’archeologia vesuviana

Un weekend all’insegna della storia attende gli appassionati di archeologia vesuviana: Venerdì 30 Maggio, alle ore 18,30, presso la sala consiliare del Comune di Ottaviano si terrà un convegno con lo studioso di archeologia Dott. Gennaro Barbato, membro del Comitato Civico Vesuviano, e la Dott.ssa Caterina Cicirelli della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Pompei. Si discuterà del presente e del futuro dell’archeologia vesuviana e ottavianese alimentando un dibattito fondamentale: gli archeologi hanno fatto tutto ciò che era possibile fare o hanno fatto troppo poco? I resti delle ville di Boscoreale e di Terzigno e della cosiddetta villa di Augusto a Somma Vesuviana, più altri rinvenimenti importanti, sono sufficienti per farci capire che un complesso sistema urbano si sviluppava lungo le strade che congiungevano l’agro nolano all’agro pompeiano. Importanti segni di questa vasta e straordinaria “città metropolitana” antica aspettano ancora di essere portati alla luce dall’archeologia “istituzionale”: molto è andato perduto, tanto si può ancora fare. Il territorio vesuviano è ricchissimo di testimonianze che risalgono addirittura alla preistoria e in molti comuni sono presenti vestigia della civiltà romana: in molti casi giacciono sotto terra, in altri, purtroppo, in evidente stato di abbandono.

Verranno esposti, inoltre, inediti documenti dell’Archivio Storico del Comune relativi all’attività di riorganizzazione del sistema viario di Ottaviano svolta dagli amministratori nella seconda metà dell’Ottocento e nella prima metà del Novecento. La manifestazione è stata organizzata dall’Assessore alla Cultura, Prof.ssa Marilina Perna, come introduzione alla serie di eventi dedicati dall’amministrazione comunale all'”Anno Augusteo”.

Sabato 31 Maggio, dalle ore 9,30 alle ore 12,30, con partenza da Piazza Vargas a Boscoreale, l’associazione La Fenice Vulcanica e la Pro Loco Boscoreale “La Ginestra”, tra i principali organizzatori della rassegna “Maggio dei Monumenti: Tra Storia e Leggende del Tesoro di Boscoreale“, accoglieranno e guideranno i visitatori allo scavo della Villa delle Pisanella, aperto in via straordinaria. Un viaggio arricchito da mostre, laboratori e animanzione. Si accede a gruppi di 30 alle ore 9,30, 10,30, 11,30 e 12,30. E’ necessaria la prenotazione (3393849316 – [email protected]).

Il tesoro di Boscoreale è un insieme di 109 pezzi di oro e argento, databili I secolo d.C.. Fu rinvenuto il 9 Aprile del 1895 durante gli scavi di una villa rustica romana in località Pisanella-Settetermini a Boscoreale, nel cosiddetto lacus del turcularium, (l’ambiente che ospitava il torchio per la spremitura dell’uva).

Un tesoro di inestimabile bellezza e valore, che comprende un servizio da tavola, tre specchi in argento e alcuni monili in oro, che ha una storia particolare: fu infatto esportato clandestinamente in Francia da alcuni antiquari napoletani e in parte acquistato da un barone della nota dinastia dei Rothschild per mezzo milioni di franchi e donato al Museo del Louvre di Parigi, dove è esposto nella sala dei gioielli antichi. Del tesoro facevano parte anche 1037 monete d’oro (pari a 102.800 sesterzi). Della Villa della Pisanella, scavata tra il 1894 ed il 1899 (venne scoperta nel 1868 durante i lavori di costruzione di un muro), oggi non è visibile quasi nulla, perchè sepolta, ma verrà ripercorsa “in loco” la sua affascinante storia.

Domenica 1 Giugno, l’itineario alla scoperta del “tesoro” prosegue a Boscoreale con la visita al Palazzo De Prisco: dalle ore 9,30 alle ore 13,00 sarà possibile visitarlo per la prima volta e osservarne gli affreschi. Sono previste esposizioni di prodotti tipici locali. Nella stessa giornata si terranno altri tipi di attività: la mostra “Le vie dell’arte: Boscoreale nei musei del mondo” a cura dell’associazione Vesuviando, presso il Bar Express in Via Vittorio Emanuele a Piazza Vargas, e proiezioni di documentari al Cine Teatro Minerva in Via Tenente Angelo Cirillo. Sia Sabato che Domenica si effettueranno inoltre visite guidate gratuite allla Chiesa di Santa Maria Salome nella omonima piazza. Per le visite è necessaria la prenotazione (3393849316 – [email protected]) e si terranno per gruppi di 30 persone alle ore 9,30, 10,30, 11,30, 12,30. Maggiori informazioni sull’evento sono disponibili sul sito internet www.prolocoboscoreale.org.

di Francesco Servino