Pullecenella a Terzigno

Pullecenella a Terzigno

di Francesco Servino

– spazio –

L’ultimo surso ‘e vino

E po’ m’assette nzino

A chesta terra antica

Ca ripara ogni fatica“.

Na percoca ‘e coppe ‘a pianta,

Dinte a na Lacrima santa,

Po m’addorme sotte o cielo,

Cu na nuvola pe’ velo.

Comme coce stu lapillo,

Sento ‘a voce ‘e nu cardillo,

Ca nun smette cchiù ‘e cantà:

Proprio a me adda nzurdà?

Stu calore arete ‘e rine,

E’ piacevole aroppe ‘o vine,

Giuro, nun me ne iesse a lloco,

A coppe a cheste rocce ‘e fuoco.

Ma m’aize, ‘a inte a cuntrora:

Chiedo “Scusate, qual è l’ora?”.

“Songhe ‘e cinque e meza ‘o juorno”.

Azze, aggie pigliato suonno.

Alleria e rinte e’ cantine,

E’ chillu mestiere antico

Ca faceva ‘o cuntadino

Ca godeva ddà fatica.

Terre terzignare belle,

Ca placate ‘a nostra sete,

Cu sti vigne fatte ‘e stelle,

E sanghe russe ‘e cheste prete.

Scenne pe’ tutte ‘o paese:

Ma addò stanne sti’ ricchezze?

Tutte quante l’anna prese,

Nun ce stanne cchiù certezze.

E na terra accussì viva

Fu l’ammore dde’ romani:

Ma ne’ saghe ‘e chivebbive,

Proprio ccà ata mette mano?

Ce sta chi appiccia ‘a munnezza,

Votta veleno ddinte ‘e fuosse,

Dico io ma na carezza

V’anna fatte ‘e mamme vostre?

O Vesuvio mio marrano,

Tu c’ha rato Pumpei e Erculano.

Chesta terra viva e forte

Mo’ trasuda sulo morte.

Voglio dicere a chi è stato,

Ma che guaio avite passato?

Uno se sceta a matina

E pensa “chesta è na latrina”.

Ma vo’ dice Pulcinella,

Vuje tenite ‘a capa ‘e mbrella.

Steva ll’oro tuorno tuorno,

Nè, nun ve mettite scuorno?

E cu stu bicchiere ricco,

Guardo ‘o Sole ca se mpicche,

Sotto ai pini va fujenne,

Quasi se va nascunnenne.

Tra ruvine abbandunate

Quanti ccose amma scurdate.

Nun ce sta bisogno ‘e foto:

Che spettacolo era na vota.