Eolico offshore per domare gli uragani

I parchi eolici posizionati in mare, oltre a fornire elettricità pulita, potrebbero avere un’altra funzione non meno importante: indebolire gli uragani prima che la tempesta si abbatta sulla terraferma. Lo sostiene uno studio delle università di Stanford e del Delaware, secondo cui l’esercito di turbine offshore può ridurre la velocità del vento, l’altezza delle onde e le inondazioni.

La ricerca, pubblicata sul sito della rivista Nature Climate Change, dimostra per la prima volta che le turbine eoliche possono arginare i danni causati dagli uragani alle città costiere. ”Le piccole turbine possono combattere la bestia”, ha detto Cristina Archer dell’Università del Delaware.

Attraverso un sofisticato modello meteoclimatico, gli studiosi hanno simulato gli uragani Katrina, Isaac e Sandy per studiare cosa sarebbe accaduto se dei grandi parchi eolici, con decine di migliaia di turbine, si fossero trovati lungo il percorso delle tempeste. Stando ai risultati, i parchi eolici avrebbero tolto energia al bordo della tempesta e rallentato i venti. La riduzione massima della velocità del vento sarebbe stata di 87 miglia orarie per l’uragano Sandy e di 92 miglia orarie per l’uragano Katrina. Venti meno forti avrebbero inoltre determinato onde meno alte.

Abbiamo scoperto che quando sono presenti le turbine eoliche, i venti esterni dell’uragano rallentano”, ha detto Mark Jacobson dell’università di Stanford. ”Questo fa diminuire l’altezza delle onde, il che riduce il movimento di aria verso il centro del ciclone e aumenta la pressione centrale, che a sua volta rallenta i venti dell’intero uragano e lo fa dissipare più velocemente”.