Clinica Malzoni, eseguito un importante intervento chirurgico

Ancora una volta, come era già avvenuto con il dott. Cesare Gridelli, nominato nello scorso mese di Novembre miglior oncologo del mondo dall’associazione californiana Exspertscape di Palo Alto, la sanità irpina mostra le sue Eccellenze in campo medico.

Questa volta, a saltare agli onori della cronaca non soltanto locale, ma nazionale, sono i medici della Clinica Malzoni di Avellino, fiore all’occhiello di tutto il territorio irpino, la quale soltanto pochi mesi fa ha rischiato seriamente di chiudere (non avendo, secondo l’Asl, i requisiti di accreditabiltà al Servizio Sanitario Nazionale). Un 63enne salernitano, Gennaro Pezone, dirigente regionale in pensione con la passione per la poesia, ha finalmente trovato una struttura medica disponibile ad operarlo – per risolvere definitivamente la sue gravi problematiche legata a una neoplasia vescicale, stenosi dell’uretra ed ipertrofia prostatica – nonostante il soggetto sia affetto da obesità che lo ha portato a pesare oltre 210 chili.

L’uomo è stato quindi sottoposto ad un delicatissimo intervento, coordinato dall’equipe medica guidata dal dott. Stefano Pecoraro, ausiliato nel suo compito dal prof. Sergio Pascale e dal dott. Paolo Paganelli, rispettivamente primario ed aiuto medico della divisione di anestesiologia e terapia intensiva della clinica Malzoni.

Il dott. Pascale e il dottor Pecoraro hanno così commentato l’esito di questo intervento, che ha riproposto all’attenzione dei mass media le Eccellenze della sanità campana:

L’intervento è stato effettuato a paziente sveglio, grazie all’anestesia spinale operata con particolari strumentazioni, in considerazione della massiccia corporatura del paziente. Successivamente, è stato introdotto in vescica un colorante a base di acido che impregna il tumore della vescica ed altre zone di iniziale tumore e, grazie ad una fonte speciale, ovvero ai raggi ultravioletti, sono state evidenziate e rimosse sia il tumore primitivo vescicale, sia le aree di iniziale tumore“.

Infine, è stata trattata l’ostruzione prostatica con una fonte di energia a radiofrequenze, la quale ha consentito di rimuovere gli enormi volumi di prostata.

Queste tecnologie di altissima qualità si trovano soltanto in 15 centri in Italia e attestano, ancora una volta, che l’Irpinia, nella fattispecie la clinica Malzoni, può definirsi giustamente un’Eccellenza non soltanto locale, ma nazionale in campo medico.

Al termine dell’operazione, Gennaro Pezone ha rilasciato un semplice, ma significativo “Grazie a tutti“, riferito principalmente agli specialisti che lo hanno operato e che gli hanno dato la possibilità di raggiungere un traguardo molto importante venendo incontro alle sue particolari esigenze, ponendo al centro i diritti inalienabili del paziente.

di Gianluca Martone